venerdì 16 maggio 2014

Ordine dei Cavalieri del Tempio di Salomone



 L’11 maggio 2014, nella Sala d’Armi del prestigioso Castello Lancellotti, in Lauro, si è tenuta la cerimonia di investitura di Cavalieri e Dame dell’Ordine dei Cavalieri del Tempio di Salomone. Ha presieduto il Gran Priore Generale d’Italia SCMOH 1804 , Gran Maestro dell’Ordine, accompagnato dagli Alti Dignitari del Sodalizio e dai Rappresentanti degli altri Ordini Cavallereschi gemellati. Hanno aperto il suggestivo corteo storico d’ingresso i Maestri d’Arme della Compagnia dei Tre Leoni.  La toccante cerimonia, rievocativa di atmosfere e ritualità medievali, ha suscitato notevole interesse tra il numeroso e partecipe pubblico, che ha potuto  immaginare, per qualche ora, di trovarsi al centro di misteri e leggende templari.



martedì 6 maggio 2014

Cavaliere Templare, un sogno che diventa realtà.

Armato di spada e scudo, nella Terrasanta, combatto contro un demone. E’ il mio sogno ricorrente da quando ho memoria.  E se dovessi svegliarmi di soprassalto nel mezzo del combattimento, lo elaboro nella mia mente fino a quando alzo la spada in segno di vittoria.
Secondo il mio precettore in passato ero un cavaliere Templare, mandato in Terrasanta a difendere i pellegrini cristiani dalle scorribande dei predoni musulmani.
Così mi ritrovo a Teggiano, nella provincia di Salerno, per l’investitura da Cavaliere Templare, con una certa emozione.
L’aria frizzante e leggera che si respira camminando nel centro storico s’impregna di storia. Mi colpisce il nome di una via: via della Congiura dei Baroni. “Ma si!”- esclamo fra me - La congiura dei baroni, il movimento rivoluzionario del XV secolo contro gli Aragonesi che si erano insediati sul trono di Napoli.
Vedo il castello, il fosso e sento lo sfrigolio di spade sguainate, lance e frecce sibilano vicino a me.  Il fumo brucia gli occhi, strilli e colpi assordanti offuscano di più la realtà.  Da una finestrella il Principe di Salerno osserva le forze dispiegate del re di Napoli, Federico d’Aragona, e impartisce ordini.  
Finalmente giungo al Convento della SS. Pietà. Il chiostro è ben conservato e le volte sono decorate con affreschi raffiguranti la vita di Sant'Agostino.  Il refettorio è ristrutturato e il profumo di storia si dilegua, lasciando spazio al momento della vestizione dei Cavalieri. I postulanti, con il mantello sul braccio sinistro e la croce ben in vista, in fila per due, li ammirano passare e sognano il proprio momento.
La cerimonia d’investitura ha il sapore e il fascino di un rituale cavalleresco.  Le candele accese per i ricordare i Templari fondatori, rendono l’atmosfera più intima e invitano a ricercare dentro di sé il proprio Io.
L'accettazione nel Tempio è preceduta da ammonimenti che tendono a setacciare la fermezza di propositi del nuovo cavaliere. E’ un impegno di vita e di obbedienza all'Ordine.  
La Terra, l’Acqua, il Fuoco e l’aria, i quattro elementi purificano i postulanti e finalmente, nel momento più atteso e di maggiore impatto, anche per chi osserva, i Cavalieri ricevono l'investitura vera e propria con l’imposizione della Spada; mentre la conseguente ordinazione Templare avviene attraverso l’imposizione del Mantello.  
La Spada nelle mani del Maestro Iniziatore  è una magica lama di luce che purifica il postulante, affinché possa indossare il bianco Mantello Templare. Non è il potere della lama che uccide, ma è un fuoco di luce e di amore che rigenera l’Uomo aprendolo alle potenzialità dell’infinito.
Simpatici buffetti e spinte del cerimoniere, come un padre fiero dei suoi figli, ti ricordando l’impegno e ti danno il benvenuto all’Ordine.
L’emozione si fa sentire. Il mio mantello ha un certo peso e l’energia avvolgente diffonde in tutto il mio corpo una sensazione di protezione e serenità.  
«Non nobis, Domine, non nobis, sed nomine tuo da gloriam» echeggia tra le mura a gran voce.
Finita la cerimonia, grandi abbracci e ai piedi dell’affresco  “L’andata al Calvario”, la foto di rito con tutti i Fratelli Cavalieri.
Un caro e grande abbraccio fraterno

Francesco Garruba 

Knight Templar , a dream come true.

Armed with sword and shield, in the Holy Land , I fight against a demon. It 's my recurring dream since I can remember . And if I wake up suddenly in the middle of the fight, I elaborate in my mind until I raise my sword in victory .
According to my tutor in the past I was a Knight Templar , sent in to protect Christian pilgrims to the Holy Land from the raids of marauding Muslims.
So I find myself in Teggiano , in the province of Salerno, for the investiture of Knight Templar , with some emotion .
The crisp air and light that you breathe walking through the old town is imbued with history. It strikes me the name of a : via the Conspiracy of the Barons . " But you ! " - Exclaimed to myself - the conspiracy of the barons , the revolutionary movement of the fifteenth century against the Aragonese, who had settled on the throne of Naples.
I see the castle, moat and feel the sizzle of drawn swords , spears and arrows whizzing by me. The smoke burns my eyes , shrieks and deafening blows more obscure reality. From a window the Prince of Salerno notes deployed forces of the king of Naples , Federico d'Aragona , and gives orders .
Finally I come to the Convent of SS. Pietà. The cloister is well preserved and vaults are decorated with frescoes depicting the life of St. Augustine. The refectory is restored and the scent of history disappears , leaving space at the time of investiture of the Knights. The petitioners , with the coat on the left arm and the cross in full view , standing in line for two, admire them and dream to spend their time .
The ceremony of investiture has the flavor and charm of a ritual of chivalry . The lighted candles to remember the founders of the Templars , make the atmosphere more intimate and inviting you to seek within themselves their own ego.
The acceptance in the Temple is preceded by warnings that tend to scour the firmness of purpose for the new rider. It ' a lifetime commitment and obedience to the Order.
Earth, Water, Fire and Air , the four elements purify the postulants and finally , the most awaited moment of greatest impact and , even for those notes , the Knights are endowed itself with the imposition Sword ; while the ensuing Templar Order is through the imposition of the Cloak .
The Sword in the hands of the Master Initiator is a magical blade of light that purifies the petitioner , that he may wear the white mantle Templar . It is the power of the blade that kills, but it is a focus of light and love that regenerates the man opening the potential infinity.
Nice flips and pushed the master of ceremonies , like a proud father of her children, recalling the commitment you and welcome you to the Order.
The emotion is felt. My coat has a certain weight and energy enveloping spreads throughout my body a feeling of security and serenity.
" Non nobis, Domine, non nobis, sed nomine tuo da gloriam " echoes off the walls in a loud voice .
After the ceremony , big hugs and at the foot of the fresco " The way to Calvary ," the photo with all the Brothers of the Knights.
A dear and big brotherly hug
Francesco Garruba

Lauro.AVELLINO. INVITO ORDINE DEI CAVALIERI DEL TEMPIO DI SALOMONE.