mercoledì 14 settembre 2011

“ Tutto il tempo in cui non pensi a Dio,devi considerarlo come tempo perduto” –

“ omne tempus in quo de Deo non cogitas, hoc te computes perdidisse” ( PL 184, 497A).


”Non bisogna mettersi in preghiera una volta o due, ma frequentemente e assiduamente,
presentando a Dio i desideri del tuo cuore e, a tempo opportuno, anche ad alta voce”

– “Non enim semel vel bis ad orationem est accedendum, sed frequenter et assidue, ad
Deum extendentes desideria cordis et in tempore opportuno aperientes vocem oris”

(Sermone sull’avvento, San Bernardo).